Fondazione Ansaldo vi invita l’8 maggio alle ore 17.30 all’inaugurazione della mostra Rino Valido. L’impresa e le opere.

L’esposizione, una correlata di quella inaugurata il 2 maggio presso Palazzo Ducale Fondazione, vuole approfondire e raccontare il legame tra l’artista e il gruppo Ansaldo che ha dato vita ad un lungo e proficuo rapporto di collaborazione dal quale sono nate le opere d’arte esposte.

Sarà visitabile gratuitamente su prenotazione, dal 9 maggio al 5 giugno dalle 10.00 alle 16.00 dal martedì al venerdì. Il pubblico potrà fruire di una selezione delle opere di Rino Valido, inserite a catalogo: otto quadri e una scultura, che fanno capo ai tre principali settori dell’Ansaldo (industria, energia e trasporti). I quadri fanno parte di una serie realizzata nel 2023, mentre la scultura, intitolata L’equilibrio, è stata realizzata nel 2013 e ha sede permanente nell’androne d’ingresso di Villa Cattaneo dell’Olmo, luogo dell’esposizione. Saranno esposti anche alcuni bozzetti per le copertine delle riviste del gruppo Ansaldo e alcuni oggetti di design.

Durante l’inaugurazione interverranno l’artista, Lorenzo Fiori, già Direttore di Fondazione Ansaldo, Luciano Caprile, Storico dell’Arte e Giuseppe Zampini, Consigliere Fondazione Ansaldo. In tale occasione saranno inoltre esposti alcuni documenti storici relativi al design provenienti dagli archivi di cui la Fondazione è custode.

Vi aspettiamo!

Posti limitati, obbligo di prenotazione a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

INVITO 8 maggio

Il 23 aprile, giorno di San Giorgio della Bandiera, Fondazione Ansaldo, l’Associazione Giorgio Parodi e la Camera di Commercio di Genova riceveranno nel Salone del Consiglio di Palazzo Tobia Pallavicini il gruppo di centauri “Guzzisti” che, lo scorso 11 novembre a Londra, hanno scortato lo stendardo di San Giorgio in occasione dell’investitura del Sindaco di City of London Michael Mainelli.

L’evento sarà l’occasione per presentare la «Collezione Giorgio Parodi», dedicata all’imprenditore co-fondatore della Moto Guzzi, ora on-line nell’ambito del progetto Archimondi, nella sezione «Collezioni e Archivi Diffusi», di Fondazione Ansaldo.

L’evento vedrà la partecipazione di Luigi Attanasio, Presidente della Camera di Commercio e padrone di casa, Elena Manara, Consigliera Comunale, Alberto Scuro, Presidente dell’Automotoclub Storico Italiano, Claudia Cerioli, Responsabile Archivi Storici Fondazione Ansaldo, Elena Bagnasco, Presidente dell’Associazione Giorgio Parodi e quella di Salvatore Alberti, Presidente della Associazione Moto Guzzi Genova.

 Pubblicità Moto Guzzi 2

Il progetto digitale «Collezioni e Archivi diffusi» di Fondazione Ansaldo nasce per valorizzare e rendere fruibile l'immenso patrimonio storico culturale prodotto al mondo del lavoro, dell'impresa e dell'industria, conservato in questo caso non dalla Fondazione ma dal suo pubblico, composto in larga parte da esperti, grandi conoscitori e appassionati della storia economica, sociale e imprenditoriale italiana dall'avvento della seconda Rivoluzione industriale in poi.

Le raccolte e gli archivi descritti in questa sezione sono conservati fisicamente dai loro proprietari che li hanno messi a disposizione per essere schedati e digitalizzati dalla Fondazione, che a sua volta mette a disposizione strumentazione tecnica e know how, per poi essere fruiti liberamente on-line. Si concretizza in questo modo una rete di collaborazione tra l’istituto culturale e i privati valorizzando la memoria storica prodotta dal mondo del lavoro.

Ad oggi sono tre le collezioni diffuse che Fondazione Ansaldo mette a disposizione della propria utenza attraverso la piattaforma digitale «Archimondi» della Fondazione. La prima in ordine di tempo è la «Raccolta Dante», confluita sulla piattaforma a partire dal 2022 e costantemente arricchita con nuovi contenuti. La seconda raccolta riguarda invece specificatamente l’Andrea Doria, il transatlantico italiano costruito dall’Ansaldo e varato nel 1951. Il materiale relativo all’affondamento è stato raccolto e conservato dal subacqueo Andrea Murdock Alpini.

Pubblicità Moto Guzzi 3

Ed infine la «Collezione Giorgio Parodi», messa a disposizione da Elena Bagnasco, nipote di Giorgio Parodi e da altri discendenti, che raccoglie la documentazione prodotta dall’omonima famiglia di armatori e imprenditori attivi a Genova fin dalla prima metà dell’Ottocento in svariati campi, tra cui il comparto motociclistico che portò nel 1921 alla fondazione della Società Anonima Moto Guzzi.

Le carte sono state messe a disposizione di Fondazione Ansaldo a partire dal 2024, grazie alla volontà di Elena Bagnasco, dai diversi discendenti della famiglia Parodi che ne custodiscono la proprietà. Si tratta soprattutto di fotografie, articoli di riviste e quotidiani e lettere. Da un primo esame, l’arco cronologico della documentazione va dal 1899 al 1955 ed è riconducibile alle diverse attività imprenditoriali della famiglia.

Di questo materiale è stato redatto un dettagliato elenco di consistenza e sono tuttora in corso le attività di digitalizzazione. Tuttavia, in virtù dell’importanza e dell’alto valore storico culturale di questa documentazione, si è scelto di procedere, contestualmente alle attività di schedatura, alla pubblicazione di una prima selezione di documenti che sarà costantemente arricchita con nuove schede fino al completamento della collezione.

Alcuni di questi interessanti documenti, implementati da quelli conservati presso gli Archivi della Camera di Commercio di Genova relativi alla Moto Guzzi, saranno esposti presso la Sala Dorata di Palazzo Tobia Pallavicini durante l’evento Il lungo volo dell’Aquila.

Giorgio Parodi in moto con il padre Emanuele Vittorio e il figlio Andrea

“Learning the Future”, interpretare il futuro per offrire ai giovani le coordinate del presente: Fondazione Leonardo, dal 2024 Ente del Terzo Settore, rinnova l’impegno nel promuovere i temi della scienza, della tecnologia e dell’innovazione. Si parte il 3 aprile con un nuovo logo, una nuova immagine, un nuovo sito, www.fondazioneleonardo.com.

Con questi nuovi strumenti e con un team di giornalisti, professionisti dell’audiovisivo e creatori digitali, la Fondazione si propone come punto di riferimento nel campo della divulgazione e apre nuovi spazi di discussione e approfondimento allacciando partnership con altre fondazioni, associazioni, istituzioni, università, enti ed aziende private. Una mission perseguita senza finalità di lucro, nella convinzione che incrementare la conoscenza è l’unica strada per vincere la sfida dell’innovazione.

Banner FL 600x350 C


In una logica puramente filantropica s’incardina dunque l’asse portante che guida l’azione del nuovo gruppo di lavoro, un programma di outreach sviluppato attraverso la produzione e la distribuzione di contenuti multimediali incentrati in particolare sulle discipline scientifiche e sui principali argomenti al centro del dibattito globale. Alle STEM, macrocosmo proiettato nel futuro, fatto di conoscenza e curiosità, applicazione e studio, è dedicata l’attività di educazione, istruzione e formazione rivolta, in primo luogo, al mondo della scuola e delle università.

fondazione leonardo nuovo sito

IL NUOVO SITO

Fondazione Leonardo si prefigge di raggiungere i propri obiettivi di sensibilizzazione culturale attraverso contenuti concepiti per arricchire conoscenza e consapevolezza con un linguaggio al passo con le trasformazioni in atto nel mondo dell’informazione.

Il sito www.fondazioneleonardo.com è la piattaforma digitale da cui partono e sulla quale atterrano tutte le nuove attività di comunicazione della Fondazione. Una testata di informazione scientifica e di innovazione tecnologica che, prediligendo il linguaggio video, racconterà lo sviluppo tecnologico e la trasformazione digitale, la conquista dello Spazio e le sfide della cybersicurezza, gli eventi e l’opera di sensibilizzazione rispetto a questi temi nelle scuole e nelle università.

LA RIVISTA

Civiltà delle Macchine” è la storica rivista fondata nel 1953 da Leonardo Sinisgalli, straordinaria figura di ingegnere-poeta. Chiusa nel 1979, la rivista è tornata alle stampe grazie a Fondazione Leonardo nel 2019 e si è ormai affermata come portavoce della cultura industriale e tecnologica italiana. Favorisce il dialogo tra sapere scientifico e universo umanistico, e anzi ne racconta e illustra la sintesi.

IL SISTEMA MUSEALE

La Fondazione opera per la valorizzazione della storia industriale italiana attraverso la cura e la promozione del patrimonio iconografico e archivistico del gruppo Leonardo, spina dorsale della manifattura italiana. Con tali finalità, supervisiona il processo di raccolta, classificazione e digitalizzazione degli archivi delle varie anime aziendali, una realtà ramificata nel territorio nazionale, in grado di raccontare quasi un secolo di storia industriale.

 

 

L’iniziativa ha l’obiettivo di mettere in relazione robotica e intelligenza artificiale con arte e territorio dove l’essere umano è al centro del progresso tecnologico.

Robot Valley è frutto della collaborazione tra l’ecosistema dell’innovazione RAISE, il Comune di Genova e la Regione Liguria e coinvolge varie realtà del territorio a vocazione fortemente tecnologica che ha nella Val Polcevera uno dei fulcri nazionali della ricerca e della progettazione nel campo della robotica e dell’AI.

Questa prima edizione prevede un ricco palinsesto di eventi, conferenze e una mostra, «romanticiROBOT. Oggetti comuni dalla vita straordinaria» a firma dell’artista Massimo Sirelli a Villa Bombrini, già anticipata dalla sua istallazione «Amici Robot» situata in piazza De Ferrari.

robot valley

Fondazione Ansaldo ha contribuito alla serata inaugurale, che si terrà presso la Scuola di Robotica, mettendo a disposizione immagini e filmati storici che andranno ad accompagnare il Duo Alterno, composto da Tiziana Scandaletti, soprano, e Riccardo Piacentini, regia del (foto)suono,  nell’esecuzione dal vivo dell’opera La Fabbrica Illuminata di Luigi Nono. Quest’opera, realizzata dal maestro nel 1964, raccoglie direttamente le voci e le parole degli operai, nonché i rumori delle lavorazioni all’interno delle Acciaierie Italsider di Genova Cornigliano per denunciarne le durissime condizioni di lavoro. Il compositore rielaborò elettronicamente il materiale raccolto su nastro magnetico aggiungendo un accompagnamento dal vivo per soprano.

Fo I Siti Div 31 Stabilimento Siderurgico Soc. Terni Impianto per la colata nel vuoto 1987

Presentazione dei libri 
«Transizioni. Impresa – Lavoro – Società» e «REX. Il sogno azzurro»

 

Il 28 febbraio, alle 18.00 nell’ambito di Genova Capitale del Libro presso Sala del Minor Consiglio di Palazzo Ducale di Genova, Fondazione Ansaldo  presenta i libri «Transizioni. Impresa – Lavoro – Società» e «REX. Il sogno azzurro».

Interverranno Giuseppe Costa, Presidente di Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, Mario Zanetti, Amministratore Delegato di Costa Crociere. Modera Helga Cossu, Direttore di Fondazione Ansaldo.

Ingresso gratuito, per info e prenotazioni scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Entrambi i volumi, editi da Erga edizioni con traduzione in inglese, contengono al loro interno QR code per visualizzare, attraverso i dispositivi mobili (smartphone, tablet), ulteriori contenuti, soprattutto filmati d’epoca provenienti dalla Cineteca della Fondazione.

Copertina Catalogo Transizioni

«Transizioni. Impresa – Lavoro – Società»

A cura di Claudia Cerioli, Lorenzo Fiori, Pietro Repetto
Con Beatrice Carabelli, Matteo Fazzini, Maurizio Gregorini, Leo Lecci, Paola Valenti

Questo libro è non soltanto un racconto di alcune tra le principali transizioni di fine Ottocento e del Novecento che hanno impattato l’impresa, il lavoro e la società, ma anche un catalogo di immagini e video di questo periodo, arricchito da alcune opere d’arte, iconiche e distintive dei cambiamenti intercorsi. Il racconto si sviluppa sfruttando linguaggi diversi tratti dai tanti contenuti archivistici conservati da Fondazione Ansaldo e illustra l’omonima mostra allestita a inizio 2023 presso Palazzo Reale di Genova.

Nel corso del Novecento l’industrializzazione, motore del cambiamento, stravolge i territori e le comunità, ridefinisce i contorni urbani, stabilendo nuovi centri di potere e nuove gerarchie sociali. Un aspetto di forte impatto (emozionale e storico) è la parte che illustra i venti di guerra che scuotono due volte l’Europa, portando con sé milioni di morti, ma anche convenzioni sociali nuove; cambiano i costumi, le abitudini, persino la moda. Le tecnologie, anche sulla spinta degli eventi bellici, compiono un improvviso balzo in avanti, e messe al servizio della pace promettono un benessere diffuso. Gli orizzonti si allargano a dismisura, dall’atomo allo spazio, dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande. Trasformazioni tuttora in corso in uno scenario sempre più liquido, delle quali è possibile tuttavia individuarne le direttrici future.

COPERTINA REX

«REX. Il sogno azzurro»
Di Flavio Testi

Il transatlantico REX, costruito dall’Ansaldo nei Cantieri Navali di Genova Sestri Ponente è l’unica nave italiana presente nella storia della marineria mondiale ad aver conseguito la vittoria del Nastro Azzurro il 16 agosto 1933, con una traversata record da Gibilterra a New York di soli 4 giorni e 13 ore. Gioiello dell’industria cantieristica italiana sia per gli ambienti, estremamente curati, sia per le tecnologie all’avanguardia, il REX fece da sfondo a importanti avvenimenti dell’epoca e rappresenta nell’immaginario collettivo il “coraggio dell’eccellenza” e del “saper fare italiano”. Il libro racconta gli episodi più rilevanti a partire dal varo avvenuto il 1 agosto 1931, al servizio sulle rotte atlantiche dal 1932 al 1940, sino all’8 settembre 1944 quando fu affondato da un raid aereo delle Forze Alleate. La verità storica sul REX, spesso romanzata o tenuta nascosta, apre luci nuove sulla sua breve vita operativa, come il contributo della nave al salvataggio degli ebrei europei, alcune vicende internazionali quali l’intercettazione delle fortezze volanti B17 USAF in Atlantico, le motivazioni del suo affondamento e le modalità in cui questo avvenne.

invito Fondazione Ansaldo per Genova Capitale del libro 28 febbraio