di Francesco Maria Cirillo

Le prime locomotive prodotte dalla Gio. Ansaldo & Co compiono il loro viaggio inaugurale nel 1854. Da allora, molto della storia industriale ferroviaria è stata scritta proprio qui, a Genova e dintorni e, a distanza di più di un secolo e mezzo, Hitachi Rail continua la missione del “viaggio su ferro” lavorando intensamente per raggiungere nuovi traguardi, mantenendo il passo dell’innovazione e contribuendo alla sostenibilità dei sistemi di trasporto.

La lunga evoluzione dell’azienda ha portato nel corso degli anni all’individuazione oggi di quattro macro aree operative: Rolling Stock, Operations, Service & Maintenance (O, S &M); Progetti Chiavi in Mano; e Segnalamento. Oggi Hitachi Rail impiega in tutto il mondo circa 12mila persone, operando come parte integrante del conglomerato giapponese attivo nei principali campi industriali con una spiccata propensione verso la tecnologia e l’innovazione. Hitachi Rail è forte di una storia lunga e complessa, che vanta primati e contratti record, capace nel corso del suo sviluppo di mettere a sistema culture e visioni di business diverse. È proprio grazie a tale peculiarità, e alla collaborazione con le altre aziende del Gruppo, che l’azienda offre ai mercati internazionali prodotti unici e tecnologicamente all’avanguardia.

Ne sono un esempio il treno ad alta velocità ETR1000, i nuovi treni regionali “Rock”, l’ibrido per Trenitalia, ancora in costruzione, e le metropolitane driverless, ovvero senza conducente.

Chissà se Giovanni Ansaldo ha mai sognato un treno senza macchinista? Quello che è certo è che grazie ad Hitachi Rail, che ha raccolto la sua eredità, il sogno è diventato realtà.

Frecciarossa1000 5

L’obiettivo era far viaggiare il neonato Regno d’Italia. Lo strumento messo in campo unico: creare una società che producesse locomotive e materiale rotabile. Così, nel 1853 – in quel di Sampierdarena, Genova –, nacque la società Gio. Ansaldo & Co., oggi parte integrante della divisione ferroviaria del colosso nipponico Hitachi Ltd. Sono passati più di 160 anni da quella data, due guerre mondiali, sconvolgimenti sociali e di costume di ogni tipo, ma l’azienda è ancora lì, al suo posto. Ingegneri, tecnici, operai e impiegati sono a lavoro, in tutto il mondo, per dare un contributo significativo alla mobilità di milioni di persone. Che siano metropolitane o tram, treni veloci, merci o regionali, sistemi di segnalamento o rolling stock, il personale di Hitachi Rail continua, con la stessa passione di sempre, a lavorare per rendere il trasporto su ferro più sicuro, più confortevole e soprattutto sostenibile.

“Hitachi Rail è operativa in tutto il mondo e in ogni realtà siamo portatori di innovazione e sicurezza – afferma Andrew Barr, Group CEO Hitachi Rail –. Dal Giappone all’Europa e passando per le Americhe fino al Pacifico e all’Australia, il nostro impegno è quello di realizzare o gestire progetti vitali per la mobilità di milioni di utenti. Nella nostra azienda mettiamo in cima ai nostri valori la sicurezza dei passeggeri, la sostenibilità ambientale e la soddisfazione dei nostri clienti, concentrati a creare oggi soluzioni che definiscano il domani. La diffusione del Covid 19 ha messo, purtroppo, a dura prova tutto il mondo, ma grazie alla nostra dedizione siamo riusciti a continuare il nostro impegno in sicurezza, soprattutto perché consapevoli di quanto questo lavoro migliori la qualità della vita delle persone che usufruiscono dei nostri prodotti”.

Oggi Hitachi Rail impiega in tutto il mondo circa 12mila persone, operando come parte integrante del conglomerato giapponese attivo nei principali campi industriali con una spiccata propensione verso la tecnologia e l’innovazione. Hitachi Rail è forte di una storia lunga e complessa, che vanta primati e contratti record, capace nel corso del suo sviluppo di mettere a sistema culture e visioni di business diverse. E proprio grazie a tale peculiarità e alla collaborazione con le altre aziende del Gruppo, l’azienda offre ai mercati internazionali prodotti unici e tecnologicamente all’avanguardia. La divisione ferroviaria dell’azienda nipponica conta in Italia circa 4mila unità, operative tra i 3 stabilimenti dedicati alla produzione del materiale rotabile (Napoli, Pistoia e Reggio Calabria) e le 4 sedi dedite a progettazione, sviluppo e certificazione dei sistemi di segnalamento e progetti chiavi in mano (Genova, Napoli, Piossasco e Tito Scalo).

Cph

“La crescita della nostra azienda è stata eccezionale – spiega Christian Andi, Executive Officer Region EMEA Hitachi Rail Group –. In Europa, Medioriente e Africa (EMEA), rappresentiamo una realtà affidabile e di prestigio, sempre a lavoro per implementare la qualità del segmento mobility e offrire prestazioni di primissimo livello ai nostri clienti ed utenti. Ogni giorno siamo al lavoro per migliorare le soluzioni di trasporto attualmente disponibili, per renderle sempre più sicure e, soprattutto, innovative. In sintesi lavoriamo per far sì che ogni spostamento, sia esso di tipo metropolitano o ferroviario, contribuisca al benessere dei passeggeri e al successo dei nostri clienti. Siamo consapevoli di giocare un ruolo importante nella vita di tutti coloro che utilizzano le nostre tecnologie e i nostri prodotti. Per questo motivo, siamo sempre più impegnati a rendere il trasporto flessibile e personalizzato, muovendoci nell’ottica della cosiddetta mobility door to door”.

La lunga e solida evoluzione dell’azienda ha portato nel corso degli anni all’individuazione di quattro macro aree operative: Rolling Stock; Operations, Service & Maintenance (O, S &M); Progetti Chiavi in Mano; e Segnalamento. La produzione di materiale rotabile, o utilizzando la terminologia anglosassone il rolling stock, rappresenta un elemento fortemente distintivo, storico e strategico della carta d’identità di Hitachi Rail. Tra le soluzioni più di successo offerte al mercato nostrano e a quello internazionale spiccano il nuovo treno ad alta velocità ETR1000, mentre sono in costruzione i nuovi treni regionali “Rock” e l’ibrido per Trenitalia. Parte integrante dei prodotti realizzati da Hitachi Rail sono le metropolitane driverless, ovvero senza conducente, in servizio in molte prestigiose realtà del Belpaese e straniere (quali Milano, Roma, Taipei, Riyadh, Copenaghen, Honolulu, Salonicco e Lima), le metro tradizionali con conducente (Milano, Fortaleza, Miami).

Altro progetto significativo riguarda lo sviluppo della nuova piattaforma tram che sarà in servizio a Torino. In questo contesto più ampio, il trasporto regionale rappresenta una delle sfide più importanti l’azienda. Il Rock, in particolare, è frutto delle migliori tecnologie italiane e giapponesi disponibili nel Gruppo Hitachi. È un treno che può raggiungere i 160 km/h di velocità massima con un’accelerazione di 1,10 m/sec2 e ospitare circa 1.400 persone (con oltre 700 sedute nella composizione più lunga). Costituisce un salto generazionale rispetto agli attuali rotabili doppio piano in servizio in Italia grazie all’innovazione tecnologica dei suoi componenti e alla grande attenzione riservata all’esperienza di viaggio dei passeggeri. La scelta dei materiali, volta ad ottenere elevati livelli di riciclabilità (superiore al 95 per cento) e rinnovabilità, unitamente ai ridotti consumi, caratterizzano l’impronta ecologica del treno Rock.

OS&M

L’Operation Service & Maintenance (ovvero Gestione, Servizi e Manutenzione), incarna una delle nuove e significative opportunità di business per Hitachi Rail. L’obiettivo dichiarato è raggiungere elevati standard di qualità attraverso l’ottimizzazione delle risorse attualmente disponibili al fine di soddisfare le richieste di tutti quelle realtà che decidano di affidare l’OS&M a partner privati quali Hitachi Rail. E la fiducia internazionale verso l’azienda è altissima, basti ricordare il contratto record (di circa 1 miliardo di Euro) siglato per l’O&M delle linee 3, 4, 5 e 6 della metropolitana di Ryadh, cui si devono aggiungere le intese siglate negli ultimi anni, ad esempio in Italia e Danimarca. Grazie alla peculiarità delle competenze e alle referenze internazionali acquisite in breve tempo, l’azienda può considerarsi l’unico Gruppo, dell’attuale mercato ferroviario, in grado di fornire ai propri clienti progettazione, fornitura e gestione di sistemi di trasporto. Tale unicità rappresenta un asset di primo piano, non solo per quanto riguarda l’offerta commerciale dell’azienda, ma soprattutto per partner e clienti che, grazie a tali prodotti, possono fare affidamento su servizi tecnologicamente avanzati e altamente affidabili.

Ugualmente significativo è il comparto che riguarda il segnalamento e i progetti cosiddetti chiavi in mano (in inglese turnkey projects), che rappresenta una parte importante dell’operato quotidiano dell’azienda. Vivendo in una realtà sempre più interconnessa e gestita da piattaforme intelligenti, far parte di un colosso internazionale come Hitachi Ltd., rappresenta un’occasione eccezionale per offrire al mercato prodotti unici e altamente competitivi. Dall’alta velocità al trasporto regionale e metropolitano, Hitachi Rail è partner strategico di aziende di primo piano, quali Ferrovie dello Stato, mentre per quanto riguarda i progetti chiavi in mano, l’efficienza dei prodotti Hitachi Rail rappresenta una garanzia su cui tanti partner fanno affidamento in tutto il mondo. Basti ricordare lo sviluppo del segnalamento delle linee metropolitane di Roma Metro C, Milano linee Lilla e Verde e Copenhagen M1-M2 e M3-M4.

Grazie ad una vasta gamma di strumenti digitali a disposizione e, soprattutto, alla continua implementazione dei prodotti disponibili, l’azienda si pone come obiettivo immaginare il domani offrendo oggi soluzioni uniche che intercettino le nuove necessità di clienti e utenti. Consapevoli che la dicotomia mobilità – efficienza sia ormai superata grazie all’introduzione di criteri più ampi, quali la sicurezza e la sostenibilità ambientale, l’obiettivo di Hitachi Rail è sempre più creare un’infrastruttura immateriale, agile, precisa e intermodale che consenta agli utenti di muoversi in sicurezza e, al contempo, pianificare gli spostamenti attraverso strumenti digitali all’avanguardia e accessibili a larghe fette della popolazione mondiale. La Visione One Hitachi può essere considerata il tassello di congiunzione tra lo sviluppo tecnologico mondiale e le necessità materiali di utenti e clienti, visione che può essere realizzata anche attraverso la creazione di nuove professionalità che gestiscano in modo razionale e funzionale tutti i cambiamenti cui assistiamo quotidianamente per offrire servizi sempre più performanti, sicuri e rispettosi dell’ecosistema.

Metro Copenaghen Driverless 4

Fotografie di Hitachi Rail

Sottocategorie