Fondazione Ansaldo è fabbrica della memoria non solo perché conserva gli archivi di oltre 100 realtà che hanno e che operano nel mondo del lavoro, ma anche perché ogni giorno si attiva per promuovere la cultura d’impresa, sia valorizzando i beni culturali che conserva, sia ricercando nuove storie e nuove memorie da raccontare anche per progettare nuove attività.

Raccontare è il mestiere delle case editrici, come la Franco Angeli che da quasi 70 anni si occupa di editoria per la formazione dei quadri e del management aziendale, di sociologia industriale, di urbanistica, di pianificazione regionale, di economia industriale, di psicologia del lavoro, di geografia umana e molto altro ancora, fino ad affermarsi tra le presenze più ragguardevoli nel campo degli studi e della formazione universitaria.

È lo stesso Franco Angeli a dire: “È necessario sostituire alle fabbriche di prodotti materiali, le fabbriche di idee” e Fondazione Ansaldo, omaggiandolo, desidera aggiungere che “sarà poi compito della fabbrica della memoria quello di raccogliere e tramandare l’eredità di queste”. 

 Storia di una casa editrice 01

Franco Angeli

La casa editrice Franco Angeli nasce nel 1955, inizialmente come ditta individuale. Franco Angeli (1930-2007) aveva solo 25 anni e si era laureato tre anni prima all’Università Bocconi con una tesi di Storia economica discussa con Armando Sapori, tra i più illustri studiosi della generazione tra le due guerre.

Già nel ’52, subito dopo la laurea, aveva iniziato a dedicarsi all’attività editoriale lavorando con il padre Dino, che dal 1929 pubblicava la rivista “Il Consulente delle aziende”, la prima a rivolgersi ai dottori commercialisti e ai dirigenti amministrativi trattando nel concreto le problematiche legate al mestiere.

Mostrando da subito spirito imprenditoriale e lungimiranza, Franco Angeli aveva presto fondato una seconda rivista, “L’Azienda moderna” e quindi una terza, “Fattore umano”. Erano i primissimi anni Cinquanta, e iniziavano in quel periodo a diffondersi i primi studi di psicologia e sociologia del lavoro.

A metà del decennio la scelta di aprire la propria casa editrice, in un periodo subito successivo alla ricostruzione postbellica, segnata dallo sforzo - promosso dal mondo politico ed economico americano - per diffondere nelle imprese europee tecniche e ricette che assicurassero un innalzamento della produttività e migliorassero le condizioni di reddito e di lavoro. Una matrice “riformista” anima dunque le pubblicazioni e le collaborazioni con enti e centri studi nel primo decennio di attività. I primi testi sono destinati alla formazione dei cosiddetti “capi intermedi”, dei manager e dei venditori, ma contemporaneamente iniziano ad essere pubblicati libri di più ampio respiro scientifico.

Storia di una casa editrice 02

Una seconda fase importante matura tra la fine degli anni ’60 e i primi anni ’70. Sono anni segnati dalla fine del miracolo economico e dall’esplosione del conflitto industriale. Le attenzioni della casa editrice si allargano ulteriormente, nello sforzo di capire come quanto accadeva al di fuori delle mura aziendali incidesse e si ripercuotesse sul mondo d’impresa. Il catalogo si diversifica e vi appaiono studiosi di sociologia industriale (Guido Baglioni), di urbanistica (Bernardo Secchi), di pianificazione regionale (Francesco Indovina), di economia industriale (Romano Prodi), di psicologia del lavoro (Enzo Spaltro), di geografia umana (Lucio Gambi).

Storia di una casa editrice 03

Negli anni ancora successivi gli interessi continuano ad ampliarsi a nuove aree di studio, con l’apporto di voci importanti: nel diritto del lavoro (Gino Giugni, Giuseppe Pera) nella psicologia (Marcello Cesa-Bianchi), nell’architettura (Massimo Scolari, Guido Nardi), nella sociologia (Vincenzo Cesareo, Achille Ardigò), nella storia (Franco Della Peruta), nella filosofia (Mario Dal Pra), nella pedagogia (Egle Becchi), nell’antropologia (Bernardo Bernardi).  Per tal via la casa editrice si qualifica tra le presenze più ragguardevoli nel campo degli studi e della formazione universitaria (in specie per le discipline sociali).

Storia di una casa editrice 04

Anche se da allora in poi la fisionomia non sarà più solo quella iniziale – di editoria per la formazione dei quadri e del management aziendale - questo impegno continuerà ad esserne una parte importante e riconosciuta. In virtù di ciò a Franco Angeli viene riconosciuta nel 2000 la nomina a presidente dell’Associazione Italiana Formatori, che eserciterà sino al 2003.

Nel 2005, confermando la grande attitudine ad una visione a lungo termine, Franco Angeli afferma: “È necessario sostituire alle fabbriche di prodotti materiali, le fabbriche di idee”.

Negli anni sono stati pubblicati oltre 40.000 titoli. Nel 2021 le novità (in formato cartaceo, solo digitale, o in Open Access) sono risultate oltre 600. I periodici (anch’essi in formato cartaceo, solo digitale, o in Open Access) sono 78.

In riconoscimento della sua attività, il Comune di Milano ha assegnato nel 1972 a Franco Angeli l’Ambrogino d’oro e nel 2008, alla sua scomparsa, l’iscrizione nel Famedio del Cimitero monumentale, che ricorda i cittadini milanesi che con le loro capacità hanno onorato la città.

Storia di una casa editrice 05

 Ilaria e Stefano Angeli

“Cento in poppa” è il motto inserito nel logo vincitore del concorso indetto internamente all’Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio volto a celebrarne il centenario.  L’Istituto, fortemente radicato e sentito nel territorio, da sempre si impegna nella formazione dei più giovani in campo marittimo e vanta numerosi ex alunni di straordinario talento.  L’augurio di Fondazione Ansaldo per l’Istituto è che il vento del sapere possa soffiare sempre e gonfiare le vele delle menti delle nuove generazioni verso i loro obiettivi.

cento in poppa

Logo per i 100 anni dell’L’I.T.T.L. Nautico San Giorgio

L’Istituto aprì i battenti in Piazza Palermo nel novembre del 1921. Anche se in realtà l’istruzione nautica, come scuola governativa, risale al 1816, quel 7 novembre di cento anni fa vide la piena autonomia.

La lunga storia della scuola evidenzia la sua relazione con la tradizione marittima e una reale integrazione con i valori del nostro territorio; l’Istituto ha infatti formato generazioni che hanno dato alla Marina Mercantile e alla Marina Militare illustri personaggi e innumerevoli ufficiali di macchina e di coperta, nonché tecnici per le costruzioni navali.

L’integrazione dell’annuario dei diplomati, pubblicata per l’evento di celebrazione del centenario, contiene interessantissime pagine dedicate, tra gli altri, al Com.te del REX Francesco Tarabotto, al Direttore di Macchina del REX Luigi Risso, all’Ammiraglio Luigi Durand de la Penne, al Generale Alberto Li Gobbi e al Com.te Aldo Baffo, per arrivare ai giorni nostri. Sono ricordate anche personalità eccellenti come il Cardinale Giuseppe Siri, che fu docente di religione, Pietro Germi, alunno, Italo Balbo ed Emilio Salgari, diplomati “honoris causa”.

 nautico san giorgio genova

La vecchia sede di Piazza Palermo, Genova

Di questi cento anni, tanti sono quelli “storici”, in particolare ricordiamo:

•        il 1992, anno in cui il Nautico San Giorgio di Genova si fonde con il Nautico C.Colombo di Camogli;
•        il 2007, anno in cui la sede di Genova trasloca negli spazi di Calata Darsena;
•        il 2009, anno in cui nasce l’indirizzo aeronautico nella sede staccata di Camogli;
•        il 2010 quando, con la Riforma degli Istituti Tecnici, la scuola diventa Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica, mantenendo tuttavia il nome di Nautico San Giorgio.

L’I.T.T.L. Nautico San Giorgio di Genova e Camogli si articola dunque sul territorio della Città Metropolitana con la sede di Calata Darsena e le Succursali di Via Dino Col, a Genova, e la sede associata di Camogli, per un totale nel corrente anno scolastico di 1300 studenti.

La percentuale di alunni provenienti da fuori regione è del 6,31% su Genova e dell’1,41% su Camogli; il numero di studentesse è pari all’8,7% e la percentuale degli studenti con cittadinanza non italiana è del 6,1%.

Questi i percorsi di studio offerti:

•        Conduzione del Mezzo Navale (C.M.N.);
•        Conduzione di Apparati e Impianti Marittimi (C.A.I.M.);
•        Conduzione di Apparati e Impianti Marittimi (CAIM)/Conduzione di Apparati e Impianti Elettronici di bordo (CAIE), percorso sperimentale integrato;
•        Conduzione del Mezzo Aereo;
•        Costruzione del Mezzo navale;
•        Logistica.

  cento inpoppa il porto

Sede di Calata Darsena e Sede di Camogli

Il “Nautico San Giorgio” è socio fondatore e Istituto di riferimento della Fondazione Accademia Italiana della Marina Mercantile che, con la sua offerta formativa, rappresenta una naturale prosecuzione degli studi nelle filiere marittime e logistica.

La scuola, insieme all’Associazione Ex Allievi e Docenti e al Collegio Nazionale Capitani L.C. & M., ha organizzato i festeggiamenti del Centenario con un fitto calendario di appuntamenti:

la cerimonia di apertura si è tenuta il 15 novembre 2021 nell’Auditorium della sede di Calata Darsena con l’intervento delle autorità, seguita il 20 novembre dal 1° Palio Remiero delle scuole secondarie di secondo grado della Liguria con una sezione riservata ai Nautici Liguri, una vera e propria festa dello sport nello specchio acqueo del Porto Antico; il 26 novembre, infine, ha visto l’inaugurazione della strumentazione donata dalla Fondazione Piaggio al Laboratorio di Costruzioni Navali e al Laboratorio di Macchine. Attualmente si sta proseguendo con convegni dedicati agli alunni, uno per ogni percorso di studio, per farli incontrare con il mondo del lavoro, del loro futuro lavoro, e per far scoprire loro le opportunità che li attendono dopo il diploma.

Stiamo lavorando per i prossimi 100…

Buon Vento!

i ragazzi del nautico san giorgio

I ragazzi dell’ L’I.T.T.L. Nautico San Giorgio

La scalinata di Boccadasse è stata intitolata il 26 luglio 2021 a Piero Calamai, Comandante dell’Andrea Doria, quale compimento di un percorso di riconosciuta serenità, ancorché postuma dopo un lungo doloroso silenzio. Ancora oggi, dopo 65 anni, si dibatte sulla sua responsabilità nel naufragio del bel transatlantico.

Piero Calamai non è stato un uomo qualsiasi. Eugenio Giannini, terzo ufficiale del Transatlantico in quella fatidica notte del 25 luglio 1956, sempre giovane nello spirito ma sofferente nel ricordo, non ha dubbi: difende senza sé e senza ma il suo Comandante, ne onora la memoria e il suo comportamento da leader, non voleva abbandonare la nave: lo costrinsero.

Non è compito della Fondazione così come dello storico, stabilire cosa è giusto e cosa è sbagliato. Riportare fonti, rilevare testimonianze o dati, ecco, uno tra i compiti della Fondazione Ansaldo. Non possiamo esimerci, quindi, dal riportare la testimonianza scritta di Giannini. Un ricordo vivo, carico di emozioni, oramai lontano nel tempo ma che è invece ancora oggi così vicino.

 Piero Calamai
Piero Calamai a bordo dell’Andrea Doria

line 1x94

Padova, 10 settembre 2021

Egregio Dott. Fiori,

le invio un breve ricordo del Comandante dell’Andrea Doria, il Capitano superiore di Lungo Corso, Piero Calamai; il mio Comandante.
Dire di quel grande uomo che fu Piero Calamai nel breve spazio di una pagina dattiloscritta è stata cosa ardua a compiere. Ho fatto del mio meglio e spero di esserci riuscito.
Allego un dépliant a fumetti, da me eseguito in ricordo della tragica vicenda.

                                    Cordiali saluti

    firma

RICORDO DI PIERO CALAMAI – IL COMANDANTE DELL’ANDREA DORIA

Quando si parla o si scrive dell’Andrea Doria o del suo Comandante, il Capitano superiore di Lungo Corso Piero Calamai, qualcuno che ha qualcosa da dire e da ridire, si trova sempre.  Accade spesso che, coloro che parlano o scrivono dell’Andrea Doria o del suo Comandante, lo fanno senza cognizioni di causa. Purtroppo così va il mondo!

Piero Calamai aveva un modo di fare, un comportamento calmo e sereno. Non ho mai sentito il Comandante Calamai alzare la voce. Aveva fiducia nei suoi ufficiali ma, in particolari, difficili condizioni di navigazione, il suo senso della responsabilità era altissimo. Anche in caso di nebbia non delegava il comandante in seconda ma sopraintendeva personalmente alla navigazione senza interferire nei confronti dell’ufficiale capoguardia ma dandogli il conforto della sua presenza sul ponte di comando. Anche la sera della tragedia, quando montai di guardia alle 20.00, lo trovai sul ponte di comando; in disparte, consumava una cena frugale e allorché, verso le 22.00, il Comandante in seconda Osvaldo Magagnini si offrì di sostituirlo, rifiutò, gentilmente, ma rifiutò.

Anche dal punto di vista umano, Piero Calamai, era un uomo eccezionale; una volta mi ha chiesto notizie delle mie origini e della mia famiglia; nessun’altro comandante l’ha fatto.

Piero Calamai era stato anche un uomo coraggioso, sia in tempo di guerra che di pace, le sue mostrine ne attestavano la carriera ed il coraggio. In gioventù aveva salvato, gettandosi in mare, un uomo che stava per annegare.

Che dire ancora di Piero Calamai? Ero di guardia, accanto a lui, sull’aletta di dritta del ponte di comando dell’Andrea Doria, quella fatale notte del 25/26 luglio 1956 quando la Stockholm ci puntò la prua contro e ci speronò, provocando l’affondamento della sua splendida nave: l’Andra Doria.

Lo ricordo ancora, le braccia allargate sul corrimano dell’aletta di dritta, per sorreggersi. Sembrava voler respingere la Stockholm con la forza della disperazione. Purtroppo non ci riuscì.

Questo è stato Piero Calamai: un uomo eccezionale. Un grande comandante. Il mio Comandante.

disegno 1

 

disegno 2

 

disegno 3

 

disegno 4

 

disegno 5

 

disegno 6

Gennaro Perna, classe 1945, attraverso la penna di Michele Di Luca, ci racconta una storia di mare, una storia vecchia come il mondo, come la storia dei marinari di Torre del Greco, fatta di valore e coraggio.

Un’onda anomala colpì la Michelangelo durante una traversata nell’aprile del 1966. La forza della natura ricorda così all’uomo le sue capacità e, purtroppo, la sua violenza. Ma l’uomo risponde con altrettanta forza e tempra morale.

Il raccontare serve a tramandare le conoscenze, il saper fare, a mantenere vivo ciò che è stato e trasmettere di generazione in generazione i valori di una società in continuo sviluppo. Pertanto Fondazione Ansaldo raccoglie i ricordi di uomini coraggiosi e di grandi imprese.

Oggi salpiamo insieme per una nuova avventura nel mare dei ricordi… Buona lettura!

 

michelangelo onda anomala 5

Torre del Greco città del corallo e dei fiori, così recita la targa posta all’ingresso della cittadina alle falde del Vesuvio, e non è solo questo che la caratterizza bensì è anche, e soprattutto, luogo di forte tradizione marinara che si perde nella notte dei tempi. Basti pensare che i Borbone la chiamavano “la spugna d’oro del Regno delle due Sicilie” per le numerose barche coralline che si spingevano fino alle coste africane per la pesca del corallo, chiamato anche oro rosso.

La tradizione marinara torrese famosa sia nel settore armatoriale che in quello del personale navigante, si è sempre distinta nel mondo dove con alterne vicende i suoi marinai sono stati artefici e spettatori di tante avventure liete e tristi, in pace come in guerra, quando l’andar per mare era una vera e propria avventura su legni rudimentali e tutto era affidato alla perizia dell’equipaggio e alla conoscenza degli elementi che li circondavano. Per fortuna col passar degli anni la tecnologia ha fatto passi da gigante anche nel settore della navigazione e della cantieristica varando navi sempre più grandi e confortevoli chiamate appunto transatlantici come Rex, Conte di Savoia, Michelangelo e Raffaello, orgoglio della cantieristica e della marineria italiana.

Purtroppo questo patrimonio di avventure e di conoscenze spesso non raccolto per tramandarne la memoria alle future generazioni inesorabilmente cadrebbe nell’oblio se non ci fossero delle istituzioni come la Fondazione Ansaldo che recupera documentazione e storie per accrescere e custodire il bagaglio di conoscenze.

A proposito di ricordi vogliamo parlare della turbonave Michelangelo ed esattamente “dell’onda anomala” del 12 aprile 1966.

Quella mattina… qui comincia il racconto veemente e pieno di commozione di Gennaro Perna, classe 1945 matricola 38741 del libretto di navigazione, torrese verace, imbarcato sulla Michelangelo dal 4 febbraio 1966 in qualità di Giovanotto di II^.

…La Michelangelo navigava alla volta di New York con mare in burrasca… la furia degli elementi stava colpendo la nave procurando notevoli sollecitazioni allo scafo e facendo letteralmente scoperchiare alcune prese d’aria poste sul ponte di prua per le quali necessitava l’urgenza di ricoprirle al fine di evitare ulteriori seri danni.  Il Comandante in seconda Claudio Cosulich radunò gli uomini di coperta alla ricerca di quattro volontari per riparare il danno. Senza esitazione Gennaro Perna, pur consapevole del pericolo che incombeva, si offrì insieme ad altri tre tra cui il marinaio torrese Lama Biagio per richiudere “i funghi” ossia le prese d’aria portate via in precedenza dalle onde.

Qui il racconto del Perna si carica ancor più di emozione in quanto rivive gli attimi concitati di quando viene imbracato con una fune trattenuta dal Cosulich ed altri e si portò sulla prua estrema della Michelangelo per effettuare l’intervento di copertura indispensabile alla sicurezza della nave. Quell’operazione risultò un mix di senso del dovere, rischio incalcolato ed un pizzico di fortuna basti pensare quello che accadde di lì a poco con la cosiddetta onda “anomala” che investì in pieno la prua, il ponte di comando ed alcune cabine, provocando decine di feriti, alcuni morti, e lo stesso ufficiale Cosulich riportò alcune fratture agli arti. Se “l’onda” distruttiva si fosse verificata durante l’operazione i “volontari” sarebbero sicuramente stati tutti spazzati via fuori bordo con risultato facilmente deducibile.

I feriti vennero curati a bordo ed una parte di essi anche con l’ausilio di una nave della marina militare americana che fornì ulteriore assistenza mentre la turbonave riprendeva la rotta per New York. Ma Gennaro Perna non esaurì la sua attività straordinaria difatti qualche giorno dopo sempre volontario fu impegnato nell’operazione di trasbordo di un marinaio feritosi gravemente agli arti inferiori tale Mario Bianchini. La gravità delle ferite riportate necessitavano di un ricovero urgente presso una struttura a terra perciò fu disposto l’invio di un elicottero della guardia costiera americana per portare il ferito a terra. Per questa delicata quanto pericolosa operazione, soprattutto per l’epoca, il Perna fu dotato di stivali, tuta e guanti di gomma a protezione dell’enorme carica elettrostatica generata dall’elicottero, il cui cavo utilizzato per issare il ferito sul velivolo poteva provocare una folgorazione elettrica. Tutto andò per il meglio ed anche questo intervento fu archiviato nel libro dei ricordi.

Oggi Gennaro Perna che da molto tempo ha lasciato il mare, ha dismesso i panni di marinaio ma non dimentico nel cuore e nella mente resta sempre il marinaio descritto da Lucio Dalla.

michelangelo onda anomala 4

gallette1

di Cesare Augusto Giannoni.

Spesso da adulti ci si dimentica di quanto possa essere forte il senso di desiderio in un bambino, ma ci si ricorda, magari con un po’ di nostalgia, com’era invece la sensazione di fermarsi a guardare una vetrina sognando ad occhi aperti davanti all’oggetto bramato.

Questa storia, che rievoca emozioni passate, ci racconta di come un sogno sia poi diventato realtà.

 

sogno realta

L’amore per la Guzzi ha origini antiche che risalgono a quando, ancora bambino, andavo di nascosto nel garage della caserma dei Carabinieri dove vivevo con mio padre ufficiale per guardare, toccare ed a volte salire sulle V7 in dotazione all’Arma. Era sempre una emozione vedere i Carabinieri con casco, guanti, giubbotti in pelle e stivaloni, parevano cavalieri medioevali sui loro destrieri, accendere i motori che rimbombavano nel chiuso del locale e partire verso chissà quali ignote missioni.

La passione per la casa dell’Aquila mi è rimasta nel cuore e finalmente dopo quasi quarant’anni sono riuscito a chiudere il cerchio aperto da bambino. Qualche anno fa è uscito il nuovo modello di V7 che ricordava l’originale nel nome e vagamente nelle forme, si tratta di una moto più piccola della progenitrice degli anni 60/70 che nella memoria della mia infanzia aveva dimensioni enormi. Il fascino però è intatto, i cilindri a V trasversali che spuntano lateralmente sono sempre loro e nella visione frontale le donano una silhouette unica ed inconfondibile che la rendono riconoscibile al primo sguardo e solleticano la fantasia verso viaggi ed avventure solitarie. Uso solitamente moto adatte a lunghi viaggi con bagagli e passeggero ma l’attrazione è stata troppo forte e quindi con poca testa e tanto cuore ho deciso che dovevo averne una, mi sono orientato sul classico: una Special azzurra con strisce bianche, ruote a raggi e borse laterali in pelle.

Il giorno del ritiro ero emozionato come un bambino di cinquanta primavere, mentre il venditore mi spiegava gli ultimi dettagli non avevo occhi che per lei e speravo che finisse presto per avere le chiavi in mano. Finalmente in sella avvio lo starter e ritrovo suoni sopiti e mai dimenticati, il borbottio del motore al minimo ricorda il battito regolare del cuore al quale punta direttamente come la freccia di Cupido, metto la prima e la moto parte sprigionando una gaiezza contagiosa che cresce mentre sgrano tutte le marce in sequenza: è tutto come l’avevo immaginato, le maschie vibrazioni del motore trasmettono vita, il pulsare costante dei cilindri penetra sottopelle facendomi sentire una cosa sola con il mezzo e dona una sensazione di pace e libertà che solo chi usa una moto può conoscere.

Decido di spostarmi in quelli che sono i suoi territori preferiti lontano dal traffico e dal caos della città, ci vuole il luogo giusto per vivere pienamente questa nuova esperienza e le colline delle Langhe mi sembrano proprio il posto adatto. Rapido trasferimento su strade poco trafficate tra risaie allagate e prati coltivati, attraversamento di Casale Monferrato e salita verso le colline. Ora è nel suo ambiente naturale, il rumore del motore è l’unico suono che sento dentro il casco, la moto si muove tra le curve come una danzatrice provetta e trasmette emozioni difficili da dire. La striscia d’asfalto scorre sotto le ruote e sembra non debba mai finire, una sosta in cima ad un colle e lo sguardo può perdersi verso l’orizzonte infinito fatto di pregiati vitigni dai quali si trae un nettare che oggi mi è vietato perché la giornata è dedicata alla guida.

La V7 mi guarda sorniona, mi invita a ripartire ed io obbedisco salgo in sella premo il bottone dell’accensione, indosso casco, guanti e riparto. Il cielo azzurro illumina la strada e si sente il tepore del sole primaverile, il tempo passa veloce ed è già l’ora del rientro, mi godo gli ultimi chilometri che mi separano dal box. Siamo arrivati a casa, la parcheggio e guardo nuovamente la mia nuova amica che sembra sorridere felice, sento il crepitio dell’olio che scende nella coppa ancora calda e mi rendo conto che ha un’anima, sembra un cavallo che sbuffa dopo una corsa.

Il tempo non è mai passato mi sento ancora il bambino che sognava viaggi ed avventure ora finalmente possibili, la saluto accarezzando il sellino e vado via contento pensando all’itinerario del prossimo giro. Dentro me gioisco sapendo che lei è lì pronta a donarmi emozioni, devo solo aspettare la prossima uscita.